INTRODUZIONE

In questo tutorial vedremo come sfruttare alcuni comandi di Rhino per generare strutture, all’apparenza complesse, iniziando da una modellazione “PLANARE” per poi applicarla a geometrie più complesse.

STEP 1

Iniziamo inserendo un’immagine di riferimento attraverso il comando PICTURE FRAME che troviamo nel menù di generazione delle superfici.

Questo comando ci consente di generare una superficie rettangolare alla quale è assegnata un’immagine da noi selezionata.

STEP 2

Sapendo che l’altezza totale dell’edificio è di circa 180m, perpariamo una retta della stessa misura che utilizzeremo come riferimento per scalare correttamente la nostra immagine.

STEP 3

Una volta scalata correttamente l’immagine, andiamo a disegnare una curva per punti di controllo replicando il profilo della nostra architettura.

STEP 4

Utilizziamo quindi il comando RIVOLUZIONE, che troviamo sempre nel pannello di costruzione delle superfici, per generare il corpo principale del nostro grattacielo.

STEP 5

Dal pannello di “curve da oggetti” selezioniamo il comando UV ed estraiamo quindi quelle che sono le curve di profilo della nostra rivoluzione (per curve UV vedi il tutorial precedente)

STEP 6

Ottenute le curve UV andiamo a generare una griglia ottenuta dalla diagonale la quali generi 18 spazi rispetto alla linea di base

STEP 7

Su di ognuna delle linee della griglia generiamo una estrusione a sezione quadrata la cui diagonale sarà circa di 1m

STEP 8

Selezionando le nostre curve UV di profilo andiamo a generare una superficie con il comando SUPERFICIE DA CURVE PLANARI

STEP 9

La stessa superficie la andiamo a suddividere sfruttando la griglia strutturale che abbiamo generato in precedenza

STEP 10

Assegniamo quindi i nostri pannelli a differenti layer in modo da gestirli in modo più agevole e visualizzarne fin da subito le differenze cromatiche

STEP 11

Dal pannello di trasformazione prendiamo quindi il comando SCORRI LUNGO SUPERFICIE, selezioniamo quindi gli oggetti realizzati in piano, un’area di riferimento pari al piano della nostra griglia, ed infine la nostra superficie di rivoluzione

STEP 12

Attendiamo pochi istanti e vedremo come il comando ha modificato ed applicato tutto quello che noi avevamo realizzato semplicemente in piano, alla nostra superficie di rivoluzione

Spegnendo il layer dei pannelli possiamo apprezzare anche tutta la nostra struttura

CONCLUSIONE

Lo stesso concetto può essere utilizzato in altri settori, quali la gioielleria, dove possiamo immaginare di creare decorazioni o vere e proprie geometrie facendo scorrere le nostre modellazioni realizzate in piano su di una forma prestabilita

RICCARDO GATTI

Laureato in Design al Politecnico di Milano, offre consulenza e formazione relativa alla modellazione 3D e al rendering sia ad aziende che a professionisti.

2 Responses to “[TUTORIAL] Applicare strutture a forme complesse”

  1. cristina franceschini, Reply

    Ma funziona solo con disegni in piano?

    • RICCARDO GATTI
      RICCARDO GATTI, Reply

      Ciao Cristina,
      no funziona fra qualunque coppia di superfici.
      In questo caso, però, il problema è trovare la coppia giusta.

Leave a Reply